GOOGLE TRIPS – PRIME IMPRESSIONI

da | Set 28, 2016

Google Trips è la novità di Google. Non è proprio un trip planner ma un modo per concentrare più informazioni relative ai nostri viaggi.

Google Trips

Prime impressioni

Giancarlo Fazzi, Senior Traveler, Italy

Il gigante ha fatto un altro passo. Era inevitabile che il colosso Google finalmente si decidesse a pubblicare un App per il turismo. L’ennesima.

Google Trips è scaricabile gratuitamente dagli store per Android ed Apple.

ViaggioBlues l’ha torchiata subito cercando di intuirne le potenzialità e scovarne le eventuali debolezze..

Gioco forza che Google Trips attinge a pieno da altre funzioni preesistenti in famiglia:

  • Google Maps per la cartografia
  • Google Places per i POI (punti d’interesse) e le recensioni
  • Gmail per i dati delle prenotazioni

Ma vediamo come funziona, anticipando che per ora è in sola lingua inglese.

Innanzi tutto bisogna avere un account Gmail ed utilizzarlo per accedere all’App.

La pagina principale si presenta con un campo di ricerca per una nuova destinazione e con l’elenco dei nostri viaggi passati. Si, avete capito bene, Google Trips, rovista nelle nostre mail, trova prenotazioni aeree, alberghi, noleggi auto e poi mette tutto assieme confezionando il nostro “Trip”.

Se avete qualcosa da nascondere pensateci bene…

E’ possibile scaricare i Trip disponendo quindi in modalità off-line delle mappe, recensioni e tutti i dati relativi. Le mappe scaricate non coincidono con quelle di Google Maps.

Entrando in un Trip vengono mostrate alcune schede, in quantità diversa a seconda della località.

  • RESERVATION
  • THINGS TO DO
  • SAVED PLACES
  • FOOD & DRINK
  • DAY PLANS
  • GETTING AROUND
  • NEED TO KNOW
GOOGLE TRIPS
GOOGLE TRIPS

RESERVATION

Quello che abbiamo notato subito in questa sezione è che purtroppo il “Grande Fratello” tende a digerire anche informazioni sbagliate, per cui un booking magari sospeso, figurerà nelle nostre prenotazioni in modo regolare e purtroppo in questa prima versione non c’è modo di rimuoverlo dalla lista.

GOOGLE TRIPS

THINGS TO DO

La lista delle cose da fare propone in automatico e divise per categoria i POI pescati, come già detto, da Google Places. Per ogni POI sono disponibili le recensioni degli utenti, chiamati da Google ”Local Guides”. Nel dettaglio del POI troveremo anche una breve descrizione da Wikipedia, una mappa e tutti i dati relativi all’esercizio, come orari, giorni di apertura e sito internet.

GOOGLE TRIPS

SAVED PLACES

Uno spazio dedicato alle nostre preferenze. Attenzione perché in questa sezione non compariranno solo i POI preferiti dalla THINGS TO DO ma automaticamente compariranno anche quelli preferiti da Google Maps. Molto apprezzabile.

GOOGLE TRIPS

FOOD & DRINK

Ovviamente non poteva mancare una sezione dedicata a ristoranti e locali in genere. Anche questo database attinge a quello dei POI di Google Places, con tanto di informazioni su orari, indirizzi e recensioni.

Purtroppo non è possibile cercare un locale per nome. Bisogna perciò attenersi all’elenco proposto o alla mappa.

GOOGLE TRIPS

DAY PLANS

Day Plans è una sezione che non è disponibile per tutte le località ma per ora solo per le città di maggiore interesse turistico. Comprende una serie di percorsi con evidenza sulla mappa in primo piano. La cosa interessante è che ci è data la possibilità di creare un percorso custom. Purtroppo la vera limitazione è che non è possibile introdurre POI diversi da quelli proposti. Quindi, anche se vedremo il nostro ristorante preferito come una stellina bianca non sarà possibile comprenderlo in un tour. Peccato.

GOOGLE TRIPS

GETTING AROUND

Anche questa sezione è disponibile per un numero limitato di città. Vengono illustrate le modalità di trasporto pubblico, i collegamenti con l’aeroporto, i taxi, bus, treni e informazioni sui parcheggi. Inoltre vengono fornite notizie anche sul come muoversi a piedi o in bicicletta.

GOOGLE TRIPS

NEED TO KNOW

Quest’ultima sezione, dedicata anch’essa ad una selezione limitata di città, offre le principali informazioni inerenti la salute, le emergenze, lo shopping e la valuta.

CONCLUSIONI

Prima di evidenziare l’elenco dei punti UP&DOWN, è opportuno ribadire che l’App è appena stata pubblicata e che, anche se Google è un colosso, va detto che vive sui feedback degli utenti. E’ ragionevole quindi credere che ci sia ancora molto margine di sviluppo proporzionalmente alle esperienze di utilizzo.

L’attacco a TripAdvisor, soprattutto ora che è in stretta partnership con Apple, è molto evidente anche se altrettanto chiaro che il Gap risulta ancora ampio. Il potenziale c’è, magari l’identità un po’ meno visto che ci è apparso subito come un tentativo di somigliare in modo ibrido a TripAdvisor e a TripIt, il noto Trip Planner fra quelli di maggior successo.

UP

  • Layout semplice e moderno
  • Database di Google Places
  • Importazione automatica dei preferiti da Google Maps

DOWN

  • Lingua solo inglese
  • Importazione delle prenotazioni solo da Gmail
  • Impossibilita di rimuovere prenotazioni errate
  • Impossibilita di aggiungere Day Plans in località dove non presenti
  • Impossibilita di aggiungere POI diversi da quelli culturali in Day Plans
  • Impossibilità di cercare il mio ristorante/locale preferito in Food&Drink

La colonna sonora di ViaggioBlues

Per ogni articolo ViaggioBlues seleziona e propone una colonna sonora. Un brano che potrà essere ascoltato durante la lettura ampliando così l’esperienza sensoriale come è nelle intenzioni del blog. E’ necessaria l’iscrizione a Spotify. Buon ascolto.
<iframe src="https://embed.spotify.com/?uri=spotify%3Atrack%3A4FjQ4tN4hTs4Va7lFiNgoG" width="300" height="380" frameborder="0" allowtransparency="true"></iframe>

I principali concorrenti di Google Trips

GOOGLE TRIPS
GOOGLE TRIPS

Lascia un commento

commenti

Categorie

Ultimi Post




Articoli correlati: