Seleziona una pagina

Il Kindle di Amazon ha davvero rivoluzionato il modo di leggere e aggiungerei di viaggiare. Quindi ecco l’ennesimo argomento che divide tra romantici conservatori e progressisti…

Quando si parla di Kindle ci si riferisce in generale al libro elettronico, di cui esistono diverse marche e versioni ma sicuramente la proposta di Amazon è la più diffusa e nota.

Io stesso ero molto scettico rispetto alla conversione dalla carta al digitale ma ad ogni vigilia di partenza per un viaggio mi ritrovavo a fissare dubbioso una pila di libri, meditando su quale portare con me.

Poi ricordo qualche anno fa che, in fila durante l’attesa per imbarcarmi su un volo, davanti a me un ragazzo estrasse quel piccolo tablet dalla tasca della giacca e, tenendolo con una mano, lesse per tutto il tempo. Da allora, come spesso capita in questi casi, iniziai a vedere Kindle ovunque, apprezzandone l’effettiva utilità.

Da li a procurarmene uno il passo fu breve e quindi arrivò in casa il Kindle Paperwhite.


kindle
Il primo approccio fu stupefacente e mi impressionarono in particolare due dettagli:

1-Il tatto: scorrendo il dito sullo schermo la sensazione che restituisce non è affatto quella tipica del touchscreen di un tablet ma è nettamente ruvida, ricordando quindi molto la carta.

2-La vista: la tecnologia cosiddetta ad inchiostro digitale è semplicemente stupefacente. Lo schermo è tanto più leggibile quanto più lo si espone alla luce. Quindi, classico dei classici, leggendolo sotto il sole in spiaggia non da nessun tipo di problema. Zero riflessi e leggibilità a livelli impensabili.

La retroilluminazione ovviamente ci soccorre in caso di scarsa luminosità.

Tornando alla mia immagine iniziale in cui meditavo davanti alla pila di libri da scegliere, oggi la risposta è: tutti. Infatti grazie alla memoria e alla connettività al cloud praticamente un Kindle può contenere un’intera biblioteca. Inoltre la batteria dura moltissimo.

E’ giunto quindi il tempo di rompere con i libri di carta?

Credo di no. Il livello tecnologico ci consentirebbe di poterne farne a meno ma il nostro radicamento culturale ancora no. Poi resta il fatto che molte persone amano l’odore della carta stampata nuova e vecchia, le sgualciture e gli appunti presi in fondo alle pagine. E perché no, una dedica autografata dall’autore.

Solitamente a questo insieme di persone appartengono coloro che hanno qualche defezione nei confronti della tecnologia in generale ma il dato di fondo rimane lo stesso: il cambiamento ha bisogno di tempo e in questo momento viviamo la convivenza dei due mondi.

kindle

Chi sopravvivrà? Lo leggeremo sui libri del futuro.

 

Lascia un commento

commenti

viaggioblues

Iscriviti alla Newsletter

Hai ricevuto una mail per completare la tua iscrizione