Seleziona una pagina

BMW C600 Sport: impressioni di guida

giancarlo fazzi

Giancarlo Fazzi, Senior Travelers, Italy

BMW C600 SPORT

da | Lug 30, 2015 | Tecnologia | 0 commenti

BMW C600 Sport: la vera alternativa alla moto per i nostri viaggi

Ripetiamolo una volta per tutte: il BMW C600 Sport è una moto vestita da scooter.

E chiamatela pure come volete ma in strada è un mezzo che fa ricredere chiunque, soprattutto chi sta alla guida di questo incredibile gioiello della casa bavarese.

Il DNA BMW è solidamente presente nella ciclistica e prende forma in una guidabilità che non fa assolutamente rimpiangere la classica moto.

Ricordo quando andai a provarlo la prima volta. Arrivai con la mia naked da 150cv e quando uscii in strada affrontando la prima rotonda rimasi spiazzato notando la sicurezza e la velocità di percorrenza. Una volta abituati alla presa diretta si guida esattamente come una moto sportiva e la gamba esce automaticamente all’esterno dello scudo per preparare la prossima curva! Inoltre, un’altra piacevole sensazione che mi ha disegnato subito un sorriso sotto il casco, ho percepito immediatamente il BMW style in particolare riguardo i comandi e l’impostazione generale di guida. Non ho potuto fare a meno di pensare alla mia precedente BMW, una GS1200. Incredibile quello che riescono a fare questi bavaresi…

c600 sport

La linea del C600

Photograph by ViaggioBlues

Ma facciamo un passo indietro. Senza dubbio il Re indiscusso di questo segmento è il TMAX di Yamaha, linea accattivante e buone prestazioni lo hanno eletto da anni il piu venduto fra i maxi. Il marchio BMW, un motore molto piu potente e una ciclistica perfetta non hanno comunque permesso di superare il primato di vendite  in Italia rispetto al concorrente giapponese. Ciò non toglie che il BMW C600 Sport sia un ottimo acquisto anche per chi intende usare la moto per i propri viaggi e non solo per gli spostamenti casa-lavoro e a breve raggio.

Entrando un po’ più nei dettagli, per quanto riguarda le dotazioni, la versione Highline Pack è quella cui non manca nulla: fari led diurni, frecce piccole a led, manopole e sella bizona riscaldata, computer di bordo, sensore pressione gomme e presa 12 V. Di serie abbiamo l’ABS e il parabrezza regolabile. Resta fuori solo l’antifurto. Di assoluta utilità infine i due vani portaoggetti anteriori, di cui il sinistro con chiusura sicura, e il rivoluzionario brevetto Flexcase  che con mezzo fermo permette di ampliare il volume del vano sottosella gia molto generoso rispetto alla concorrenza.
Insomma stiamo parlando di caratteristiche da tourer BMW senza compromessi e se il prezzo sembra un po alto, anche se rispetto al TMax non c’e questa grande differenza, ricordiamoci che tendenzialmente il valore di un BMW come è risaputo si mantiene bene anche con l’usato.

“E chiamatela pure come volete ma in strada è un mezzo che fa ricredere chiunque”

Come accennato in apertura dell’articolo, il BMW C600 Sport offre un’esperienza di guida molto, molto interessante. Esente dagli ondeggiamenti tipici degli scooter, il maxi bavarese percorre con grande sicurezza le curve, anche a velocità sostenute. Solo quando il percorso diventa particolarmente lento con curve strette iniziano a sentirsi un po’ i kg di troppo costringendo il pilota a forzare la mano per farla scendere in piega.
A proposito di pieghe, anche se io non sono Jorge Lorenzo, continuo a stupirmi per quanto continui a scendere in curva. All’inizio, memore di esperienze passate con il TMax, avevo un po’ paura di toccare l’asfalto da qualche parte sotto la scocca o con il cavalletto ma per le mie capacità ė praticamente impossibile… Inoltre il C600 Sport ha anche il pregio di permettere di fare correzioni in curva senza mai trasferire sensazioni di pericolo, quindi in gran sicurezza. E quando parlo di correzioni intendo non solo cambiamenti di traiettorie ma anche “pinzate” con entrambi i freni!

Con il passeggero chiaramente la dinamica cambia ma ci si può ugualmente divertire. Mia moglie, tester di grande rilevanza per i miei acquisti a due ruote, dice che l’effetto “giostra di Gardaland” è presente quanto su tutte le altre moto che abbiamo avuto in precedenza. Insomma è un modo per dire che anche con il BMW C600 Sport ci si può divertire pennellando le curve un po sportivamente.

c600 sport
c600 sport
c600 sport

Design Teutonico

Photograph by ViaggioBlues

Per quanto riguarda l’argomento aftermarket si possono trovare diversi accessori per il C600 Sport: scarichi racing, cupolini di varie misure, variatori sportivi, bauletti ecc. Purtroppo, in ottica viaggio, dalla primavera 2015 non è più disponibile il kit per le borse laterali della GIVI né tanto meno della Kappa (modelli TE5105 e TE5105K). Il C600 Sport con un paio di 3D600 Easylock della GIVI potrebbe diventare ancora più interessante ma questa scelta di mercato della casa italiana ha chiuso ogni discorso. Va anche detto che possiamo scegliere di montare il bauletto centrale ma, con la linea della coda filante e sportiva del C600 Sport, ci ritroveremmo un mezzo sicuramente più pratico per la vita di tutti i giorni ma pesantemente compromesso esteticamente.

In conclusione un accenno alla protezione aerodinamica: il grande schermo è regolabile in tre diverse posizioni attraverso l’azionamento di due comodi pomelli. Nella posizione piu alta la protezione è totale, quando fa molto caldo risulta addirittura quasi claustrofobica ma ci assicura integralmente fino alla velocità massima (parlando della pista o delle autostrade tedesche ovviamente!)

Il passeggero, con schermo alto, è discretamente protetto anche se ad andature un po elevate lamenta qualche disturbo aerodinamico che scuote la testa qua e la. La soluzione a quest’ultimo problema è multipla: rallentare, lasciare a casa la moglie oppure una comoda berlina (anche un SUV va benissimo…) A voi la scelta!

Per ulteriori dettagli vedere Sito ufficiale BMW. 

Dal WEB

Sito ufficiale BMW Motorrad Italia

btw

Lascia un commento

commenti

viaggioblues

Iscriviti alla Newsletter

Hai ricevuto una mail per completare la tua iscrizione