Seleziona una pagina
La famosa Costa dei Trabocchi in Abruzzo non può mancare dalla lista dei luoghi da vedere del turista curioso, dell’amante della natura e del bello.
Stiamo parlando del tratto di costa a sud di Pescara, nella provincia di Chieti, tra Ortona e Vasto.
Il fascino di queste antiche macchine da pesca, addirittura riconducibili ai Fenici, è immutato e innegabile. Capita spesso di vedere degli sposi sui Trabocchi per fare scatti del sevizio fotografico nuziale.
Ne rimangono di ogni forma e dimensione ed alcuni sono stati trasformati in ristoranti, decisamente una buona idea per rivalutare quelli che oggi sono beni sottoposti a tutela del patrimonio del Parco Nazionale del Gargano.

Lo stesso tratto di costa è contraddistinto da una grande varietà morfologica, offrendo spiagge sabbiose, con ghiaia fine e scogli.
Senza dubbio i fotografi in questa zona possono cercare e trovare lo scatto perfetto, così come anche gli artisti in generale possono lasciarsi ispirare dall’armonia del luogo. Anche Gabriele d’Annunzio lo fece durante un soggiorno a san Vito Chietino nel 1889 e scrisse il romanzo Il trionfo della morte.

Non solo Trabocchi in quella zona ma anche tanta natura la cui massima espressione si concentra nel Parco Naturale di Punta Aderci.

Il parco si trova a pochi chilometri a nord di Vasto e, lasciata l’auto nel parcheggio, si può percorrere una strada bianca che porta ad un sentiero che sale in cima al promontorio e dal quale si può godere di una vista meravigliosa sul mare, a sud la spiaggia dei Libertini e a nord quella di Punta Aderci.
Tra l’altro, proprio sotto il promontorio, si trova un piccolo e antico trabocco, romantico e spettrale allo stesso tempo. Può anche capitare di vedere i falchi in azione proprio nei pressi della scogliera. Spettacolo nello spettacolo.

Booking.com

Per chi ama la natura e meno la confusione o la mondanità, la costa dei trabocchi può offrire una grande opportunità per rilassarsi e ricaricare le batterie.

Giugno e settembre sono sempre i mesi più indicati, anche se pure d’inverno in alcune belle giornate ci possono stare quelle lunghe passeggiate ristoratrici.

trabocchi
trabocchi
trabocchi
trabocchi
trabocchi

Altri Articoli sull’Abruzzo:

Abruzzo Terra di Lupi – Ateleta

Lascia un commento

commenti

viaggioblues

Iscriviti alla Newsletter

Hai ricevuto una mail per completare la tua iscrizione